Risultati

Una netta riduzione delle segnalazioni di ritrovamento nei giardini e nei parchi

Nel 2007, nel Canton Zurigo sono stati segnalati solo 147 ritrovamenti di ambrosia contro i 594 del 2006 (Tabella). Particolarmente importante è la diminuzione dei ritrovamenti nei giardini di casa e negli spazi verdi pubblici.

Nel Canton Zurigo, le segnalazioni di ritrovamento sono verificate grazie ai campioni di pianta a disposizione dei comuni. Durante il 2007 i comuni hanno controllato la maggior parte dei siti segnalati nel 2006 oppure si sono informati presso gli abitanti dei terreni. La grossa diminuzione dei ritrovamenti nei giardini di casa e nei parchi è dovuta in gran parte ad una migliore qualità del mangime per uccelli. Tuttavia, è presumibile che sia anche diminuita la disciplina relativa alle segnalazioni. Dei piccoli effettivi sono stati eliminati senza informare i responsabili comunali sull'ambrosia.

Le condizioni climatiche hanno pure potuto provocare un tasso di germinazione minore dei semi rispetto al passato.

Ai bordi delle strade, nella maggior parte dei casi si è riusciti ad eliminare i piccoli effettivi di 10 fino a 100 piante. Presso uno svincolo autostradale, un grande quantitativo ha potuto essere eliminato grazie a delle estirpazioni ripetute. Nel 2007, in questo sito erano presenti solamente dei singoli esemplari.

 

Tabella: Ritrovamenti di ambrosia 2006 e 2007 nel Canton Zurigo
Posizioni rilevate con il GIS
2006 2007
Giardini privati
397 65
Verde publico
63 13
Bordi e scarpate stradali
52 14
Prati 22 8
Campi coltivati
8 11
Cantieri, discariche
18 6
Piazzali sterrati e parcheggi, aree industiali
4 8
Altri: foresta, riva, vigneti, nessuna indicazione
30 22
Totale 594 147

 

Un calo considerevole della contaminazione di semi di ambrosia nel mangime per uccelli

In Svizzera, dal 2005 i mangimi non possono più contenere semi di ambrosia ( Ordinanza sul libro dei prodotti destinati all'alimentazione degli animali , Allegato 10 ). Ciò riveste una particolare importanza nel caso dei mangimi per gli uccelli in libertà poiché questi mangimi vengono liberati nell'ambiente.

A corto termine una purificazione completa era praticamente impossibile: la merce per l'inverno 2005/06 era già stata prodotta al momento dell'entrata in vigore dell'obbligo. La soglia di intervento in vigore era dello 0,02 % (peso). Una purificazione è possibile solo in caso di chicchi di dimensioni maggiori come per i fiori di girasole, ma non per il miglio i cui semi hanno una taglia simile a quelli di ambrosia. Sul mercato europeo non erano disponibili delle materie prime prive di ambrosia. Dalla stagione 2006/07 è stata ridotta la soglia di intervento allo 0.005 % per ogni singola componente di una miscela di granaglie. I produttori alimentari si approvvigionano di miglio mediante dei contratti di produzione. Con l'utilizzo di erbicidi adeguati è possibile ottenere delle concentrazioni ridotte di semi di ambrosia. Come leggibile dalla tabella, già a partire dal 2006/07 più della metà delle miscele di granaglie sono prive di semi di ambrosia (valore della mediana uguale a zero). I valori medi ancora relativamente elevati, derivano da singole partite particolarmente contaminate. Queste quantità sono state tempestivamente ritirate dal commercio. top

 

Tabella: Infestazione del mangime per uccelli con i semi di ambrosia, inverno 2005/06 fino a 2007/08(campionatura nelle aziende prima della fornitura; in parte già in vendita)

  2005/2006 2006/2007 2007/2008
Numero di campioni (miscele)
8 28 21
Semi per kg min - max 1-366 0-109 0-220
Semi per kg valore medio
72 10 14
Semi per kg mediana
18 0 0

 

La costruttiva collaborazione tra il Controllo ufficiale degli alimenti per animali e i produttori di mangimi per uccelli nonché l'impegno profuso da questi ultimi hanno comportato un sensibile miglioramento della situazione.

 

L'estirpazione è efficace nelle aziende agricole a produzione biologica

Nel 2006, in un'azienda bio nei pressi di Winterthur è stato infestato un pascolo estensivo. In più punti si trovavano dei focolai con più di 100 piante. L'estirpazione e lo sfalcio profondo hanno impedito il trasporto del polline. Le piante sopravvissute hanno comunque prodotto semi a sufficienza così che nel 2007 le piante risultavano ancora più numerose. Un'intensificazione del pascolo mediante concimazione a base di azoto non era possibile. Durante l'estate e l'autunno 2007, la famiglia di agricoltori ha risanato il terreno con grande sforzo estirpando tutte le piante prima della maturità dei semi. In occasione dei controlli avvenuti da maggio a luglio 2008 non è stata rinvenuta alcuna pianta. Solo in agosto sono stati trovati ancora alcuni esemplari. L'esempio mostra che con uno sforzo adeguato si possono eliminare dei grossi effettivi di ambrosia senza ricorrere alla chimica.

 

Pascolo bio a inizio settembre 2006: ripresa dell'ambrosia dopo il taglio.
Lo stesso pascolo a fine ottobre 2006: l'ambrosia porta i semi maturi. Le piante sono appena visibili.